27 febbraio 2015

Raymond Jones

Pubblicato da pink noise a 17:17
Questo bel giovanotto impomatato è Raymond Jones ed è l' uomo a cui tutti noi beatlesiani dobbiamo rendere grazie. Era il 28 Ottobre 1961 quando, questo 18enne di Liverpool recandosi al negozio NEMS per ordinare un disco, cambiò inconsapevolmente il corso della storia. Raymond quel sabato non cercava un disco qualsiasi e di fronte non si trovò una persona qualsiasi. Voleva un singolo che un giovane gruppo della sua città aveva inciso in Germania, insieme a Tony Sheridan. Il disco era My Bonnie e lo chiese a Brian Epstein che incuriosito da questi Beatles, per cui quel giovanotto provava tanto entusiasmo, si recò al Cavern per ascoltarli. Tutto il resto è ormai storia...

Tony Sheridan & The Beat Brothers - My Bonnie (Deutsches Intro) / The saints - 1° stampa Polydor 24 673 A

I ragazzi, all' epoca con Pete Best alla batteria, sono accreditati come The Beat Brothers, anche se il nome Beatles esisteva già (considerato inadatto per un' assonanza ad espressione tedesca poco lusinghiera). Il disco esiste in due versioni, Twist e German Intro, ques' ultima è la copia in mio possesso. La storia di Raymond venne smentita da Alistair Taylor, all' epoca collaboratore di Epstein al NEMS. Taylor negò la sua esistenza, asserendo che Epstein si fosse inventato tutto.

Per saperne di più Beatles Bible.

0 commenti:

Posta un commento

 
cookieassistant.com