14 maggio 2014

This is the..... The Savage Young Beatles

Pubblicato da pink noise a 02:01
This is the..... The Savage Young Beatles - dettaglio del retro copertina
This is the..... The Savage Young Beatles è un disco particolare, un bootleg che con i suoi 20 min scarsi è diventato parte integrante della discografia americana dei Beatles, almeno dal punto di vista collezionistico. L' importanza storica che ha acquisito è testimoniata dalla posizione centrale che occupa nel collage di cover creato per il primo volume dell' Antology. Ho desiderato molto questo vinile, perchè - lo ammetto - più delle loro carriere post-beatles, sono incuriosita dai loro selvaggi e turbolenti esordi. Il Savage è anche l' occasione perfetta per ricordare Tony Sheridan, vittima di grandi ingiustizie discografiche, di cui questo disco ne rappresenta l' apice. Come tutti ben saprete la prima occasione in una sala d' incisione professionale i Fab4 l' ebbero durante il periodo amburghese accompagnando Tony Sheridan, appunto.
I giovani Beatles erano affascinati da questo musicista violento, ribelle, virtuoso e dalla pregevole capacità melodica; in particolare John che ne imitò perfino la postura a gambe aperte, facedola diventare una sua personale caratteristica da palco. Nonostante non sia stato uno stinco di santo - ma chi lo è nel rock 'n' roll? - mi intenerisce il modo in cui Sheridan da protagonista sia diventato comparsa. Se si guardano le varie stampe di My Bonnie, sia l' LP che il Singolo, è scandaloso come si passa dalla dicitura: Tony Sheridan in grande e The Beat Brothers in piccolo sul retro (già esisteva il nome Beatles ma aveva assonanze imbarazzanti in lingua tedesca) alle ristampe con The Beatles enorme e Tony Sheridan in piccolo in basso. Nel caso specifico del Savage lui scompare quasi totalmente, viene a malapena citato come autore nei credits dei singoli brani, nonostante il disco contenga ben quattro brani suoi registrati senza alcun coinvolgimento dei Beatles.
This is the..... The Savage Young Beatles -  Savage BM69 - 2° stampa, 1965
Come avrete già intuito la Savage Records non aveva alcuna concessione per la stampa di queste tracce e la Capitol Records, priva anch' essa di diritti non intraprese alcuna azione legale e onestamente non conosco la posizione della Polydor al riguardo. Anche altre etichette come la Atco e la MGM pubblicarono questo materiale, ma senza utilizzare alcuna foto sulla cover, mentre qui in copertina troviamo uno scatto della prima sessione di foto organizzata per i Beatles da Brian Epstein il 17 Dicembre del 1961; poco meno di due settimane prima dell' audizione alla Decca. La prima stampa, oggi rarissima, ha la cover arancio e la label gialla.

This is the..... The Savage Young Beatles - matrici Lato 1 BM 69-A BM 69-B


I titoli che ho segnato con * nella playlst sono quelle di Sheridan senza Beatles. La vera chicca è la prima traccia, totalmente strumentale, Cry For A Shadow, in quanto unica della storia dei Beatles ad essere accreditata al duo Harrison/Lennon. Io personalmente sono affezionata a Why che trovai in un bizzarro cofanetto (libro, VHS, CD e audiocasseta) regalatomi da mio padre a metà anni '90: The Beatles' Story, edito solo in Italia. Il Savage è un disco delizioso: l'ascolto è godibile e piacevole, ma sia chiaro che è un disco di Tony Sheridan... dove ci sono anche i Beatles, "pre-Ringo" per giunta.

0 commenti:

Posta un commento

 
cookieassistant.com